Il genio delle donne (2019) Il genio delle donne (2019)

La prima è Ipazia, astronoma e studiosa eclettica nella dotta Alessandria tra il IV e il V secolo, rimasta vittima di un pogrom ante litteram. Poi vengono Ildegarda, la visionaria che intuì l’importanza del corpo (idea pericolosamente controcorrente nel Medioevo). Madame de Chatelet, compagna di Voltaire, e Sophie Germain, amica di Gauss, entrambe amanti della scienza e donne anticonformiste nell’Età dei Lumi.

Questo è solo l’inizio di una meravigliosa sfilata femminile, anch’essa controcorrente. A essere presentate in Il genio delle donne non sono infatti le classiche top models, ma menti brillantissime che dovrebbero essere considerate “vere modelle” da ambo i sessi. È una sfilata che, per fortuna, diventa sempre più numerosa man mano che passa il tempo, grazie alla graduale caduta degli stereotipi sessisti e degli ostacoli nell’accesso agli studi scientifici.

Con maschile ammirazione, Odifreddi ricostruisce i percorsi di vita, le difficoltà affrontate, i colpi di genio, la dedizione assoluta e la libertà di pensiero di figure quali Rita Levi Montalcini e Maryam Mirzakhani (prima Medaglia Fields in rosa), Marie Curie e l’astronauta Judith Resnik, l’imbattibile scacchista Judit Polgár e la farmacista cinese Tu Youyou, Nobel per la Medicina.

La lettura di questo libro è un viaggio entusiasmante nella versatilità della mente femminile, capace di raggiungere le massime vette in tutte le discipline portando avanti il cammino dell’umanità. Al tempo stesso può servire da sprone alle ragazze di oggi, affinché finalmente si affaccino agli studi scientifici senza un ingiustificato senso di inadeguatezza.

IntervisteRecensioni

Tagadà - La7 (9/12/19)

E' passata alla storia per aver girato la prima scena di nudo integrale al cinema (Estasi, 1933), ma il suo contributo all’umanità è stato soprattutto un altro: aver inventato il salto di frequenza sfruttato oggi da Gps e telefonini, wi-fi e Bluethooth. Hedy Lamarr, sex symbol e scienziata, è una delle “top model alternative” raccontate da Piergiorgio Odifreddi ne "Il genio delle donne. Breve storia della scienza al femminile", una storia spesso obliata e bistrattata: basti pensare che dal 1901 al 2019 le vincitrici del Nobel sono state 20 contro 594 vincitori. [...]
Il Fatto Quotidiano (12/12/19)

Scardina i pregiudizi questo omaggio del matematico Giorgio Odifreddi all’altra metà della scienza. Il volume raccoglie 24 biografie di fisiche, genetiste, chimiche e astronome, un’astronauta e una scacchista. Da nomi arcinoti (come Rita Levi Montalcini e Marie Curie) ad altri meno celebri ma cruciali (come la cinese Tu Youyou, Nobel per la Medicina), dalla mistica medievale Ildegarda da Bingen, studiosa di erboristeria e farmacia, alla star del cinema Hedy Lamarr, che ha “inventato” il wi-fi. [...]
Donna Moderna (12/19/19)

Comments are closed.