Il Sommo Giornalista Gianni Riotta dunque interrogò su Twitter il blogger Piergiorgio Odifreddi intorno ai suoi post e ai suoi commenti.

Il blogger gli rispose: “Io ho parlato apertamente in rete. Perché m’interroghi? Domanda a quelli che m’hanno letto, quel che ho scritto; ecco, essi sanno le cose che ho scritto”.

E com’ebbe detto questo, uno dei giornalisti che gli stavano addosso gli diede uno schiaffo in un articolo, dicendogli: “Così rispondi tu al Sommo Giornalista?”

Il blogger gli disse: “Se ho scritto male, dimostra il male che ho scritto; ma se ho scritto bene, perché mi diffami?”

(Giovanni 18:19-23)

La polemica della ditta “Riotta & Co.” ha preso a pretesto questa serie di post e commenti di Odifreddi sul suo blog Il non-senso della vita, in particolare il Commento 393:

Priebke come Welby (12/10/13)

Commento 393 (14/10/13)

Commento 395 (14/10/13)

Commento 416 (14/10/13)

Stabilire la verità storica per legge (16/10/13)

Commento 58 (16/10/13)

Commento 175 (16/10/13)

Commento 194 (16/10/13)

Che cos’è la verità? (17/10/13)

Marce indietro, errori e scuse (21/10/13)

Commento 107 (21/10/13)

Un commento di Chomsky (23/10/13)

Commento 40 (23/10/13)

Commento 120 (23/10/13)

Commento 265 (24/10/13)

Ci sono senatori e senatori (28/11/13)

Commento 1009 al post Riforme: la strage di San Valentino (21/02/2015)

La banalità del male (25/01/14)

Comments are closed.